LA SFILATA DI VERSACE CHE RIMARRà NELLA STORIA

22 settembre 2017

La sfilata di Versace, durante la settimana della moda a Milano, rimarrà nella storia. A sfilare sulla passerella, le super top model degli anni ’90: Carla Bruni, Claudia Schiffer, Naomi Campbell, Cindy Crawford e Helena Christensen. Si sono riunite tutte per celebrare il genio della moda, in Italia e nel mondo intero: Gianni Versace.

Fin dagli inizi, il marchio Versace è stato sinonimo di eleganza, ricerca dei particolari, raffinatezza e soprattutto Passione.

La storia di Gianni Versace inizia nell’atelier della madre, in via Tommaso Gulli 13 a Reggio Calabria. Da sempre appassionato di moda e design, nel 1972 si trasferisce a Milano iniziando a disegnare i primi modelli per le collezioni di Callaghan e Complice. Solo nel 1978, presenta a Milano la prima collezione firmata con il suo nome.
In seguito a questo evento, per Gianni inizia un periodo di fortunate collaborazioni con artisti e fotografi del momento, tra cui il famoso Richard Avedon, portandolo a conquistare numerosi premi e riconoscimenti alla sua carriera: “Occhio d’oro” come miglior stilista nella collezione autunno/inverno nel 1982/83, nel 1986 il Presidente della Repubblica conferisce a Versace il titolo di Commendatore della Repubblica Italiana.

Nel 1995, debutta la linea giovane, Versus, a New York finanziando peraltro sia la mostra di alta moda al Metropolitan Museum of Art, sia quella dedicata alla carriera del fotografo e amico Richard Avedon. Successivamente, intraprende anche una collaborazione con il cantautore Elton John, per finanziare la fondazione di ricerca sull’AIDS, creata dallo stesso Elton John.

Per le sue campagne, Versace ha sempre collaborato oltre che con fotografi di fama mondiale, tra cui Mario Testino, con artisti musicali come Madonna e Tupac Shakur e con le top model più famose del momento. Hanno avuto l’onore di sfilare per Versace modelle come: Claudia Schiffer, Naomi Campbell, Helena Christensen e molte altre ancora…

Nel 1997, a Miami, la tragedia: Versace venne assassinato nella sua villa, Casa Casuarina.

C’è una meravigliosa dedica che ho trovato negli articoli di giornale che ho letto, ed è stata scritta da Franco Zeffirelli per l’amico scomparso:

Con la morte di Versace l’Italia ed il mondo perdono lo stilista che ha liberato
la moda dal conformismo, regalandole la fantasia e la creatività”

Così, quest’anno, a vent’anni dalla sua scomparsa, la casa Versace omaggia con uno spettacolo senza precedenti, la vita, il lavoro e la Passione di un uomo che è riuscito a fare della sua carriera un’opera arte…