UNA CITTà TUTTA DA VIVERE

23-25 settembre 2016

Durante i tre giorni dell’Arnold Classic Europe, sono riuscita a visitare la città di Barcellona. Premettendo che tre giorni non sono sufficienti per poterla visitare interamente, ho notato che ogni angolo della città riusciva a trasmettermi qualcosa, qualche emozione, qualche ricordo. Così ho voluto approfondire questa “conoscenza” andando ricercare sulle varie guide turistiche, la storia di questa meravigliosa città.

La città di Barcellona è stata fondata da Amilcare Barca, padre di Annibale. Successivamente, venne invasa dai Romani, i quali la ribattezzarono sotto il nome di Colonia Iulia Augusta Faventia Paterna Barcino. A testimonianza di ciò, ancora oggi è possibile ritrovare nelle strade e sulle mura del centro storico, il passaggio di queste popolazioni.

Per secoli ci furono passaggi di potere tra le famiglie nobili del luogo, numerose battaglie e tracolli economici, all’inizio dell’Ottocento, arrivando poi al Novecento, la città di Barcellona rifiorisce, tornando ad essere uno dei maggiori porti adibiti agli scambi commerciali nel Mediterraneo. Non solo, Barcellona diventa meta dei più rinomati artisti e architetti della storia.

Tra tutte le meraviglie che si nascondono per le vie di Barcellona, sicuramente La Rambla, fa da padrona. Un chilometro e quattrocento metri di passeggiata che collega la famosa Plaça de Catalunya con il Porto Antico. A qualsiasi ora del giorno e della notte, La Rambla è costantemente invasa da persone, provenienti da ogni nazionalità, turisti e residenti. Lungo i marciapiedi è possibile ammirare i più svariati esercizi commerciale: dai fiorai ai venditori ambulanti, dai giornalai agli artisti di strada, pittori, oltre che ristoranti, caffetterie e negozi.

Passeggiando, si viene travolti da un’ondata avvolgente di profumi e suoni che ti fanno quasi credere di essere in un posto incantato. Proseguendo su La Rambla, in direzione del Porto Antico, si nasconde in una traversa il caratteristico Mercato della Boqueria. Arrivati al Porto Antico, troviamo davanti la statua che rappresenta Cristoforo Colombo mentre indica, con il dito puntato, la direzione verso il Nuovo Mondo.

Come già anticipato, Barcellona è stata la dimora dei più grandi architetti mai esistiti, tra questi: Antonio Gaudì. La sua opera più famosa, e sicuramente quella che attira la maggior parte dei turisti che visitano la città, è la Sagrada Familia. Una delle chiese più note al mondo, è anche l’opera dell’artista rimasta incompiuta e che ancora oggi, dal 1882, è in costruzione. Altre opere di Gaudì sono il Parco Güell, Palazzo Güell, Casa Batillò, Casa Milà e Casa Vincens.

Invece, per gli sportivi, da visitare indubbiamente è Camp Nou, lo stadio di calcio più capiente della Spagna e dell’Europa, con una capienza massima di circa 99.355 spettatori! L’inaugurazione è avvenuta nel 1957, quando Camp Nou ha preso il posto del vecchio stadio Les Corts. All’interno dello di questo immenso stadio, è ospitato un museo dedicato alla squadra Futbol Club Barcelona. Oltre 3.500 metri quadrati di storia, che ogni anno affascina all’incirca 1.000.000 visitatori.

Di Barcellona c’è veramente tanto da raccontare, ma soprattutto c’è da viverla!
Apprezzandone così ogni sfumatura…